Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

Come riconoscere una borsa Burberry originale

Sono molti coloro che amano abiti e accessori griffati: la passione per la moda e per i capi firmati da grandi stilisti non ha età. Ma come riconoscere una borsa Burberry originale?

 

 

 

 

                                                            https://www.flickr.com/photos/soul2love/20486012

Innanzitutto non dimentichiamo che seguire la moda non significa necessariamente possedere capi griffati: con un po' di buon gusto e prestando attenzione ai giusti abbinamenti di colore, ognuno di noi può vestire con eleganza in ogni occasione scegliendo abiti privi di importanti firme. 

Ciò che è sempre consigliabile evitare, è l'acquisto di capi contraffatti. Non è forse meglio sfoggiare un abito o un accessorio non firmato ma di buona qualità, piuttosto che esibire un falso? Inutile dirlo: ormai sono molti coloro che sanno perfettamente distinguere un originale da una contraffazione!

Inoltre, scegliere marchi contraffatti significa danneggiare pesantemente l’economia, sia italiana che estera.

L'acquisto di una borsa Burberry originale richiede indubbiamente un notevole sforzo economico, ma ricordate che una Burberry originale è un accessorio ''sempreverde'' che potrete utilizzare per molti anni!

Purtroppo, anche questo marchio, come molti altre griffe di successo, sta combattendo sempre di più il fenomeno del “tarocco“...ma come riconoscere il marchio Burberry ?

Come riconoscere una borsa Burberry originale

 

Per distinguere una vera borsa Burberry da una falsa, il primo segreto è quello di osservare attentamente la sua stampa, la notissima Nova Check:

si possono notare 3 linee simmetriche di colore navy verticali e orizzontali che si intersecano l'una con l'altra. Tra le strisce scure, vi sono strisce di colore bianco sfumato. Esattamente in mezzo a ogni croce, creata dall’intersezione delle strisce blu, si trova una riga rossa: su di essa si staglia a incroci alterni delle strisce rosse, il simbolo dell’alfiere, che in ogni riga rossa ruota di 180°: in una riga il cavallo guarda in su, in quella dopo guarda in giù. 

Riassumendo, la classica Nova Check è formata da un insieme di simmetrie e parallelismi calcolati con precisione millimetrica! 

https://it.m.wikipedia.org/wiki/File:Burberry_handbag.jpg

Nei restyling della Nova Check, il gioco di simmetrie tra le righe non viene perso si perde, neppure  nel momento in la trama viene posta in obliquo o ingigantita. Viene eliminato il simbolo dell’alfiere, ma questo non deve confondere: è sufficiente prestare attenzione ai colori, che appaiono sempre molto più accesi nelle imitazioni, ma anche ai materiali utilizzati:  se sono di scarsa qualità, non sono certo quelli utilizzati per una borsa Burberry originale. Il medesimo criterio può valere anche per ulteriori trame delle borse marchiate Burberry. 

Solitamente all’interno viene inserita un’etichetta con la scritta: Burberry London, mentre sul retro potrete trovare sia il numero seriale e sia  la scritta Made in Italy: ricordate infatti che tutte le borse Burberry vengono prodotte in Italia.

Siccome esistono linee diverse tra loro, la posizione dell’etichetta può cambiare da borsa a borsa. Prestate dunque attenzione al logo:  nelle borse originali esso si trova perfettamente allineato, mentre nelle imitazioni è generalmente  storto. Controllate anche il cartellino del prezzo: il suo colore deve essere  blu navy, quindi un colore molto scuro (a volte si confonde addirittura con il nero) e si trova sempre sul lato sinistro.

 Come non correre rischi comprando una borsa Burberry?

Un consiglio sempre valido , è quello di acquistare  la vostra borsa Burberry in un negozio autorizzato oppure sul sito ufficiale. Il costo di una borsa di marca è troppo alto? Se  non potete permettervi una borsa nuova di zecca, perché non optare per un buon usato originale? Esistono online siti su cui poter trovare buone occasioni a costi molto più contenuti, ma attenzione: diffidate  sempre dei prezzi stracciati!

 

Leggi i commenti

Come lavorare alla NASA

                  

Come lavorare alla NASA, la più grande Agenzia Spaziale del mondo?

 

Lavorare alla NASA: forse lo hai sognato in età infantile, ma forse, a distanza di anni, ci stai ancora pensando!  Già....ma  come si fa a lavorare alla NASA

In effetti, l'idea di di poter essere un astronauta o comunque di occuparsi di mansioni relative allo spazio, per molti è senza dubbio un qualcosa di affascinante!  Bene, allora non dimenticare che per qualcuno, forse proprio per te, questo sogno potrebbe trasformarsi in un fatto concreto!

La NASA sta quest'anno cercando un notevole numero di figure professionali, ma non dimenticare: 

una volta terminato il periodo relativo alle attuali  proposte lavorative, può sempre essere utile controllare periodicamente l'apposita sezione presente nel sito, entrando nella pagina dedicata alle carriere. Potresti sempre trovare delle nuove offerte di lavoro!

Ma in cosa consiste la NASA? Di cosa si occupa con precisione questa importantissima Agenzia dello Spazio?

La sua storia ed i suoi suoi principali traguardi

La NASA (National Aeronautics and Space Administration) è l’agenzia statunitense responsabile del programma spaziale, quindi delle varie  ricerche aeronautiche e aerospaziali. Creata nel 1958 con il National Aeronautic and Space Act (firmato Eisenhower, l'allora presidente), è andata a sostituire  il NACA (National Advisory Committee for Aeronautics), nato per lo sviluppo di progetti militari. Essa venne istituita come un' agenzia civile con il compito di condurre lo sviluppo in campo aeronautico e (in particolar modo!) spaziale, con obiettivi pacifici.

Nel corso degli anni ’60 la NASA portò avanti lo sviluppo anche un programma di sonde spaziali per l’esplorazione di altri pianeti. Le sonde che raggiunsero Marte e Venere furono le Mariner, seguite poi dalle Viking con i loro lander e dalle Pioneer, le quali poterono raggiungere anche Giove.

Va sottolineato che le missioni maggiormente  ambiziose furono le Voyager 1 e 2: attualmente stanno ancora inviando informazioni dai confini dello spazio interstellare!

Un ulteriore progetto iniziato negli anni ’60 fu quello relativo alla creazione di una stazione spaziale. Nel '73 si ebbe il lancio dello Skylab, che, nonostante alcuni iniziali danni, venne occupato da 3 equipaggi per un totale di 171 giorni.

Negli anni ’70, la NASA diede vita allo Space Shuttle, programma creato per avere navicelle riutilizzabili. Vi furono  successivamente altri grandi progetti, come Hubble (un telescopio spaziale) e Kepler e Tess (per la ricerca di esopianeti). 

Furono  poi compiuti ulteriori sviluppi: venne costruita la Stazione Spaziale Internazionale, un progetto a cui la NASA continua a collaborare. Ulteriori collaborazioni riguardarono missioni di sonde spaziali come Cassini, accompagnata dal lander Huygens dell’ESA, che per diversi anni ha compiuto l'esplorazione del sistema di Saturno con le sue numerose lune.

I successivi sviluppi della NASA riguardanti stazioni spaziali vennero compiuti all’interno della collaborazione internazionale che portò alla costruzione della Stazione Spaziale Internazionale. È un progetto a cui l’Agenzia continua a collaborare.

Altre collaborazioni riguardarono missioni di sonde spaziali come Cassini, accompagnata dal lander Huygens dell’ESA, che per anni ha esplorato il sistema del pianeta Saturno con le sue tante lune.

Al termine delle missioni lunari, per la NASA iniziarono i primi tagli di budget, ma diverse missioni si stanno attuando e altre sono in programma. L’esplorazione di Marte sta continuando  grazie ai rover e vi sono alcune sonde spaziali in orbita, tra le quali le  MAVEN in attesa dell’arrivo del lander InSight.

La sonda spaziale Juno si trova  nell’orbita di Giove, mentre la New Horizons raggiungerà presto l’oggetto (o più di uno!) soprannominato Ultima Thule: l'appuntamento è fissato per  il 1 gennaio 2019. La  Osiris-Rex sta viaggiando verso l’asteroide Bennu: intende  prelevarne campioni  per riportarli sulla Terra.

La NASA continua ad oggi la sua attività riguardanti  le missioni con astronauti, pur essendo presenti polemiche su costi e ritardi; ma l’agenzia sta comunque  finanziando aziende private per lo sviluppo di  navicelle per il trasporto di astronauti.

Queste e altre missioni, compreso il numero di satelliti passati e presenti, hanno segnato 60 anni di attività della NASA, con annessi  tutti i contributi nel campo dell’aeronautica. Le sue attività devono essere approvate dal Congresso americano, con tutti i problemi che a volte ne conseguono. Nonostante questo, i risultati che hanno portato grandi i progressi per tutta l’umanità, sono tanti e tutti molto importanti,  purtroppo a volte passando  attraverso la tragica perdita di vite umane.

 

 

Come lavorare per la NASA?

I passi da compiere

 

Vuoi sapere come lavorare per la Nasa?  Innanzitutto dovrai trasferirti negli USA. Infatti, la sede principale della National Aeronautics and Space Administration, agenzia governativa degli Stati Uniti d’America, si trova  Washington.

Attualmente sono disponibili alcune posizioni lavorative:

 

L'Agenzia Spaziale  NASA sta  cercando scienziati e ingegneri, ma anche studenti talentuosi da impiegare nei vari uffici e per svariate missioni. Sono infatti disponibili diverse  opportunità di stage anche per giovani privi di esperienza, ma con brillanti risultati ottenuti nello studio.

Le offerte lavorative disponibili al momento (circa 200 in totale) si trovano dislocate in più sedi americane come Orlando, Houston e San Francisco.

Ma ecco la lista dei profili che in questo momento la NASA sta cercando:

"

-General Engineer Experimental Facility Development
-Research Space Scientist Planetary Studies
-Aerospace Engineer
-Aerospace Engineer Flight Systems Safety
-Research Astrophysicist Atmospheres and Ionospheres
-Engineering Technician
-Safety & Occupational Health Specialist
-Computer Scientist
-Information Technology Specialist
-General Engineer
-Computer Engineer
-Stage Quality Assurance / Quality Engineering
-Command and Control System Software Development
-Spaceport Command and Control System Software Development
-Launch Control System Network Engineer
-Electronics and Software Engineer for Robotics Project
-Spaceport Command and Control System / Support Software Development
-Mechanical Design of Structures and Mechanisms

 

-Fluid Systems Design Engineering
-Chief Counsel Launch Services Program
-Development of Dry Seeding Device for Polystyrene Microspheres in a Cryogenic Wind Tunnel
- Stage Mechanical Design Engineer
-Development of Advanced Optical Diagnostics for NASA Ground Test Facilities
-System Engineering
-Internship Student Accounting
-Spring Journalism Internship
-Big Data Analytics and Machine Intelligence Capability
-Stage ARC SpaceShop Prototyping
-LAVA Integration and Testing
-Orion Life Support Systems ground equipment preparation for test
-Safety Awareness & Communications
-Advanced Life Support Internship Opportunity
-Solid State Laser Materials
-Material Response Code Development Support
-Astrodynamic Trajectory Analysis
-Launch Pad Environmental Control System Subsystem Development
-Enviromental Control System Design Support
-Exploration Medical Capability (ExMC) Systems Analysis and Technology Watch
-Unmanned Aircraft System (UAS) Traffic Management System Flight Test
-Fluids Flight Hardware Processing for International Space Station
-ISS Avionics and Software Assurance Analyst
-Modeling and Simulation
-Microbiology / Virology
-Remote Sensing
-Stage Engineering Student in Experimental Aero Physics Branch

"

Chiunque intenda proporsi per le varie posizioni (rivolte ad entrambi i sessi tranne ove specificato), deve possedere una laurea e deve aver ottenuto un ottimo percorso di studi, anche successivi con  master e dottorati.

Ma non basta:

per poter lavorare alla NASA, sarà inoltre necessario seguire dei percorsi formativi e superare numerosi di controlli medici e interviste psicologiche.

Buona fortuna!

foto: 

https://pixabay.com/it/allunaggio-apollo-11-nasa-60582/

https://blogs.nasa.gov/kennedy/2018/04/16/launch-day-arrives-for-nasas-tess-satellite/

https://it.wikipedia.org/wiki/Cometa_Hyakutake

 

Leggi i commenti

Su